Vandalizzate le scuole di San Filippo e Casazze, Grillo: “Indignati”

redazione

Vandalizzate le scuole di San Filippo e Casazze, Grillo: “Indignati”

Condividi su:

giovedì 27 Gennaio 2022 - 12:34

È stato un risveglio drammatico per le comunità scolastiche dei plessi Gabelli – San Filippo e Casazze. In entrambe le scuole ignoti – sicuramente gli stessi – sono entrati dal retro e hanno distrutto tutto quello che hanno trovato. In particolare a Casazze hanno preso le bottiglie di tempera e le hanno riversate su tutti i muri, i soffitti, i corridoi, i pavimenti. Uno scempio.

Non contenti hanno scaricato la loro folle furia contro i bagni, distruggendo le tubature. Hanno rubato persino la macchinetta del caffè.

Nel plesso Gabelli invece hanno trafugato due fotocopiatrici, hanno svuotato gli estintori riempiendo aule e corridoi di polvere ignifuga. Poi hanno spaccato e divelto i lavandini dei bagni degli alunni, allagando volontariamente entrambi i piani della scuola. Hanno persino bucato una Lavagna interattiva multimediale.

Molti flaconi di detersivi, disinfettanti e detergenti sono stati svuotati a terra. Uno scenario desolante e terribile.
In entrambi i plessi sono intervenuti gli agenti del commissariato di polizia di via Verdi e la sezione della polizia scientifica. Stanno vagliando le immagini delle varie videocamere di sorveglianza della zona per individuare i responsabili.

È intervenuto anche il presidente del Consiglio comunale Enzo Sturiano i cui figli frequentano il plesso Casazze, che ha assicurato un intervento celere e il sostegno dell’ente locale.

“Quanto si è verificato, questa notte, a danno di due scuole della nostra città, è inqualificabile e ci trasmette tanta amarezza – ha detto il sindaco Massimo Grillo –. Gli atti di vandalismo nei plessi delle contrade di Casazze e SS Filippo e Giacomo, in un momento così delicato per le scuole, in modo particolare, non possono che essere condannati con fermezza con l’auspicio che l’autore o gli autori vengano individuati al più presto per rispondere della scempiaggine. Un fatto gravissimo che, tra l’altro, cade in un giorno di profonda riflessione qual è la Giornata della Memoria. Aggredire le scuole, e di conseguenza la quotidianità degli alunni, già messi a dura prova in un periodo così fortemente segnato dalla pandemia, vuol dire non avere a cuore le sorti dei più piccoli cui, invece, va riservata sempre l’attenzione più importante. Vuol dire colpire tutta la comunità, dai giovanissimi alunni alle famiglie, al corpo docente. A loro vogliamo dire che le Istituzioni ci sono, che contrasteranno fermamente questi atti delinquenziali che vogliono incutere timore e insicurezza. La vicinanza dell’Amministrazione comunale giunga anche al Dirigente, agli insegnanti e a tutto il personale in servizio nei due plessi scolastici”.

Sull’accaduto, con indagini delle Forze dell’Ordine in corso, Grillo ha aggiunto assieme al presidente del Consiglio comunale Enzo Sturiano: “Siamo indignati e amareggiati per questo fatto gravissimo che, tra l’altro, cade in un giorno di profonda riflessione qual è la Giornata della Memoria. Un gesto vile e minaccioso che ha deturpato luoghi di insegnamento e di educazione, oltre che a mettere in apprensione i piccoli alunni e le loro famiglie. A loro vogliamo dire che le Istituzioni ci sono, che contrasteranno fermamente questi atti delinquenziali che vogliono incutere timore e insicurezza. La vicinanza dell’Amministrazione comunale giunga anche al dirigente, agli insegnanti e a tutto il personale in servizio nei due plessi scolastici”.

Nonostante tutto noi offriremo il servizio già da domani – ha affermato la Dirigente Nicoletta Drago –, ma abbiamo bisogno di un intervento immediato da parte del Comune. Si tratta di una situazione di somma urgenza e in casi come questo si deve agire subito. Ne va della tenuta di una comunità. Chiediamo sostegno e un’azione di ripristino dei locali in tempi immediati. I responsabili non hanno danneggiato solo cose e oggetti, ma hanno ferito la nostra casa, la casa dei nostri bambini che va sistemata subito”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta