Prete di Castellammare invita le donne vittime di abusi a non denunciare. L’attacco di Villabuona (PD) e Santangelo (M5S)

redazione

Prete di Castellammare invita le donne vittime di abusi a non denunciare. L’attacco di Villabuona (PD) e Santangelo (M5S)

Condividi su:

mercoledì 07 Aprile 2021 - 09:01
Prete di Castellammare invita le donne vittime di abusi a non denunciare. L’attacco di Villabuona (PD) e Santangelo (M5S)

Un prete di Castellammare del Golfo, monsignor Antonio Michele Crociata, nei giorni scorsi su Facebook, ha minimizzato la violenza domestica con una frase “Tra marito e moglie può capitare”, inneggiando il premier ungherese Orban dichiarandosi antiabortista, antieuropeista e anti legge contro omofobia, misoginia e abilismo. Crociata ha invitato, inoltre, le donne a non denunciare abusi e violenze definendo “esagerato” il post con il quale un giornalista invece incoraggia le donne vittime di abusi a chiamare il 1522, numero d’emergenza operativo in tutta Italia 24 ore su 24.

A tal proposito è intervenuto il senatore trapanese del Movimento 5 Stelle, Maurizio Santangelo: “Le dichiarazioni del Mons. Crociata volte a minimizzare e a giustificare degli episodi che invece sono da condannare e contrastare con la massima durezza, lasciano attoniti -. In questi anni tutte le nostre battaglie sono state indirizzate a fare emergere questi crimini, sostenendo migliaia di vittime innocenti che troppo a lungo per paura del proprio aguzzino, sono rimaste in silenzio. Troppi sono i casi in cui questi gravissimi episodi, reiterati nel tempo, sono diventate vere forme di sottomissione e tortura, arrivando in molti casi all’uxoricidio. Proprio per questo ritengo di una gravità inaudita le esternazioni del Mons. Crociata. La violenza non deve essere mai sminuita, né in alcun modo accettata dalla vittima che va incoraggiata a denunciare il proprio aguzzino e tutelata dalle istituzioni. Mette i brividi ascoltare queste dichiarazioni del Mons. Crociata, soprattutto alla luce delle quotidiane notizie che raccontano di efferati crimini e violenze domestiche” ha concluso il senatore.

Parla anche la presidente dell’Assemblea provinciale del PD, Valentina Villabuona: “Monsignor Crociata, prete di Castellammare, sui social ci spiega che tra moglie e marito può capitare, che certo non bisogna esagerare, ma esiste il perdono e comunque anche le mogli sbagliano. Eppure la Chiesa dovrebbe essere il luogo che accoglie e protegge le donne vittime di violenza ed invece con un post pubblico questo Prete incentiva le donne a non denunciare e a far finta di nulla. Evidentemente non sa che spesso dopo una mancata denuncia, la volta dopo l’episodio è più grave e spesso si arriva al femminicidio, così come racconta la cronaca, non sono nostre invenzioni. E allora sarebbe meglio che il Prete di Castellammare si impegnasse a spiegare agli uomini che devono avere rispetto delle mogli, perché “porgi l’altra guancia” in questi casi rischia di essere molto pericoloso.Sono affermazioni gravi nei confronti delle donne che vanno condannate senza indugi”. 

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta