‘A Scurata, le notti magiche alle Antiche Saline Genna: successo per la pianista Sinforosa Petralia

Tiziana Sferruggia

‘A Scurata, le notti magiche alle Antiche Saline Genna: successo per la pianista Sinforosa Petralia

Condividi su:

venerdì 31 Luglio 2020 - 11:30
‘A Scurata, le notti magiche alle Antiche Saline Genna: successo per la pianista Sinforosa Petralia

Buona la prima come si dice in queste occasioni e sopratutto viva il rosa, questo ineffabile femminile e seducente colore protagonista della serata. L’avvio degli spettacoli della rassegna artistica ‘A Scurata, Cunti e Canti al Calar del Sole, giunta ormai alla terza edizione e firmata MAC, promette bene. Il fascino emanato dal luogo è per metà il segreto del successo degli eventi artistici che, a partire da ieri 30 Luglio, si susseguiranno fino al 4 Settembre, in tutto 11 appuntamenti dedicati al compianto artista marsalese Enrico Russo. Come già anticipato, il colore rosa è stato il fil rouge della serata, rosa come il colore del mare e del cielo al tramonto, rosa come le saline, rosa come il colore del vino offerto a fine serata e rosa come la porzione del nome della deliziosa musicista di origine trapanese , Sinforosa Petralia che ha suonato il suo pianoforte “sospeso” fra cielo e mare per incantare il pubblico.

Da Scarlatti a Beethoven e Hindemith, le note musicali immortali hanno vibrato nell’attesa del tramonto su Marettimo, di quel momento magico in cui il respiro si ferma e i ricordi e le speranze si fanno preghiera, attesa, speranza.

Lo spettacolo è stato presentato dallo spigliato Ninni Bornice il quale ha ricordato i 140 anni della Fondazione delle Cantine pellegrino che per celebrare un così importante anniversario saranno Main Partner della Rassegna Culturale sostenendo l’idea del Teatro a Mare Albaria. Undici appuntamenti tutti da vivere e da gustare nel rituale del tramonto sulle saline tutti seguiti dai media partner Marsale c’è Itaca Notizie e la TR3.

Presente il sindaco Di Girolamo il quale ha sottolineato che anche quest’anno l’amministrazione ha patrocinato questa iniziativa culturale :” Questo segna una rinascita dopo mesi di lockdown. Pubblico e privato si sono messi insieme e noi come Amministrazione non potevamo che essere presenti e siamo contenti di esserci, di riprendere a vivere“.

Il sindaco ha ricordato, da medico, che è importante mantenere ancora le distanze e continuare a usare le mascherine. Si è anche complimentato per l’organizzazione che ha previsto il giusto distanziamento fra le sedie.

L’assessore Clara Ruggieri si è complimentata con il presidente del Movimento Culturale Artistico, Mac Gregorio Caimi, con il vicepresidente Vito Scarpitta, e con il segretario Giacomo Frazzitta, considerati l’anima di questo evento: “sono riusciti a mettere insieme artisti, musicisti, cantanti e attori, molte realtà artistiche locali. A loro va il mio plauso. La Ruggieri ha auspicato che il pubblico partecipi anche agli altri spettacoli che si terranno all’ex Convento del Carmine, al Complesso Monumentale San Pietro e anche al Parco Archeologico. “Musica e cultura sono fondamentali per la vita delle persone“, come ha sottolineato l’assessore che ha anche parlato di un grande sforzo anche se in ritardo. Significativo anche l’intervento del presidente delle Cantine Pellegrine, Benedetto Renda: “la Pellegrino non è soltanto un luogo di produzione dei vini ma vuole essere parte protagonista del territorio. la scelta di essere Main Partner di questa rassegna in un luogo di inestimabile bellezza è per noi una commistione perfetta fra Natura e lavoro dell’uomo. La pellegrino è la settantasettesima azienda vinicola italiana. Siamo felici di aver raggiunto molti obiettivi e siamo qui anche con un vino rosa, Albaria, un frappato che riprende il colore del luogo in cui ci troviamo. Renda ha ringraziato il lavoro del personale, sia quello del passato che quello attuale il quale gli ha consentito di raggiungere questi ottimi risultati. Ringraziamenti particolari e parole di apprezzamento per il presidente onorario Pietro Alagna, per i cavalieri del lavoro Paolo Pellegrino, Benedetto Tumbarello e Michele Sala che lo hanno preceduto in questi ultimi 50 anni nella guida delle Cantine Pellegrino.

Nato 4 anni fa, il MAC, da un’idea di Gregorio Caimi, Vito Scarpitta, Giacomo Frazzitta e Aldo Bertolino, è diventato un’associazione lo scorso Maggio. Al Mac aderscono anche altri gruppi artistici e culturali come l’Associazione Arco, la Sipario, I Musicanti, La Maschera di Maurizio Favilla, Gli amici di Totò di Nino Scardino, Fabio Gandolfo con la sua Carpe Diem, Salvatore Sinatra con la Kinisia Blues Band. Ha anche l’appoggio di alcuni attori come Alessio Piazza, Claudia Gusmano e Marcella Favilla.

Tiziana Sferruggia

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta