Come valorizzare il Museo Lilibeo? Il Commerciale incontra “Marsala destinazione turistica”

redazione

Come valorizzare il Museo Lilibeo? Il Commerciale incontra “Marsala destinazione turistica”

Condividi su:

venerdì 14 Febbraio 2020 - 11:28
Come valorizzare il Museo Lilibeo? Il Commerciale incontra “Marsala destinazione turistica”

Il coordinatore del Movimento Marsala destinazione turistica, Fabio Alba, ha accolto l’invito della docente tutor Antonella Milazzo e dei ragazzi dell’ITET Istituto Tecnico Commerciale “G. Garibaldi” di Marsala a partecipare ad un confronto nell’ambito del progetto “OpenCoesione” che si è svolto il 13 febbraio scorso. Si tratta di un’iniziativa di open government sulle politiche di coesione in Italia. Un progetto innovativo finalizzato a promuovere e sviluppare nelle scuole italiane principi di cittadinanza attiva e consapevole, attraverso attività di ricerca e monitoraggio civico dei finanziamenti pubblici europei e nazionali.

La classe III C SIA diventa il Team Garibaldi’s Watchers: “Il progetto scelto per il nostro monitoraggio è quello relativo alla valorizzazione e all’adeguamento impiantistico del Museo Archeologico Regionale Lilibeo, nella convinzione che il turismo possa realmente diventare un volano della nostra economia”, affermano i ragazzi del team. Tante le domande poste a Fabio Alba e Mario Ottoveggio. Quella su cui si è ragionato maggiormente è stata: come si possono incrementare le visite al Museo Lilibeo? La risposta è stata chiara e diretta estrapolando qualche punto del programma del M.M.D.T.

“Innanzitutto per convincere un turista a spostarsi da una città ad un altra non è sufficiente fargli sapere che c’è un museo – affermano i due operatori del settore -. Bisogna contestualizzare l’area museale all’interno di una offerta turistica più ampia che includa altri fattori di attrazione come ad esempio la gastronomia, la cultura, i servizi di trasporto, le spiagge, l’immagine curata della città, ecc. Attuare anche tutta una serie di azioni marketing innovative coinvolgendo influencer, travel blogger, youtuber ed utilizzando canali social (non solo Facebook ma anche TikTok, Instragram, ecc), realtà virtuale e realtà immersiva, ovvero quella che consente l’esplorazione interattiva di ambienti, luoghi e spazi, avviando esperienze sensoriali complete”.

Siamo veramente felici di questa iniziativa – dichiara inoltre Fabio Alba di Marsala destinazione turistica -, è fondamentale che i ragazzi, fin da i primi anni di scuola, vengano coinvolti in progetti pratici sul territorio”. Proprio in questa ottica il Movimento ha inserito alcuni punti nel programma: sensibilizzazione scolastica per gli alunni di ogni ordine e grado attraverso uno specifico programma di incontri con esperti del settore archeologico e vitivinicolo con visite guidate di approfondimento; creare gemellaggi e scambi a livello artistico culturale con altre città e paesi limitrofi coinvolgendo gli alunni delle scuole medie e superiori; l’ufficio turistico deve garantire la presenza di personale con conoscenza almeno della lingua inglese, altresì con l’ausilio di studenti dell’Istituto Commerciale ad indirizzo turistico.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta