Omicidio Indelicato: Bonetta va in crisi e finisce in ospedale. Un agente ferito a una mano

redazione

Omicidio Indelicato: Bonetta va in crisi e finisce in ospedale. Un agente ferito a una mano

Condividi su:

lunedì 16 Dicembre 2019 - 15:18
Omicidio Indelicato: Bonetta va in crisi e finisce in ospedale. Un agente ferito a una mano

Un’udienza a dir poco anomala. Risulta effettivamente difficile definire quanto accaduto stamattina al Tribunale di Trapani, dove era da tempo programmato l’esame di Carmelo Bonetta, reo confesso (ma sotto processo con rito abbreviato a Marsala) per l’omicidio di Nicoletta Indelicato. Un’udienza, peraltro, svoltasi a porte chiuse, come chiesto dall’avvocato Giacomo Frazzitta, legale di parte civile della famiglia Indelicato.

Davanti alla Corte d’Assise presieduta dalla giudice Troia, Bonetta ha fatto il suo ingresso in aula evitando di incrociare lo sguardo della presunta complice Margareta Buffa. All’inizio, l’uomo ha confermato quanto affermato in precedenza ai magistrati, affermando ancora una volta di essere stato manipolato dalla Buffa nelle dinamiche che hanno poi portato al brutale omicidio di Nicoletta Indelicato. Dopo qualche minuto, Bonetta ha fatto presente che sentiva il bisogno di prendere una boccata d’aria e c’è stata una prima pausa. Dopo aver ripreso a parlare si è interrotto nuovamente, affermando di sentire “una cosa allo stomaco”. Comprendendo la situazione, la presidente Troia ha disposto una sospensione, dopo di che la situazione è degenerata. Nonostante la presenza del suo legale, Natale Pietrafitta, che ha cercato di rasserenarlo, Bonetta ha prima mostrato segni di una crisi d’ansia, poi si è irrigidito e ha cominciato a dimenarsi violentemente e a urlare frasi sconnesse con un tono di voce evidentemente distorto, tanto che sono dovuti intervenire ben quattro agenti della polizia penitenziaria per tenerlo. Una scena che a un certo punto ha cominciato a somigliare a un thriller ad alta tensione, e poi completata dall’incidente occorso a un agente, che mentre stava provando a sistemare Bonetta su una sedia si è tranciato un dito. Comprensibile sconcerto tra i presenti, che mai avrebbero immaginato di ritrovarsi in una situazione del genere. Rispetto a quanto inizialmente trapelato, va comunque sottolineato che a detta dei presenti non c’è stata alcuna aggressione da parte dell’uomo nei confronti degli agenti. Alla fine, Bonetta è stato portato via con una camicia di forza e trasportato in ospedale a bordo di un’ambulanza del 118.

Su decisione della presidente Troia si è deciso di fissare la prosecuzione della deposizione per il prossimo 20 gennaio. Stavolta, in videoconferenza.

Condividi su: