Alcamo, il Consiglio comunale ha approvato una mozione sulla micromobilità

redazione

Alcamo, il Consiglio comunale ha approvato una mozione sulla micromobilità

Condividi su:

Wednesday 30 October 2019 - 19:34

Protagonista della seduta consiliare di lunedì sera è stato il capogruppo di Sicilia Futura, Giacomo Sucameli, firmatario dell’atto di indirizzo politico e autore delle tre interrogazioni consiliari trattate in Aula Falcone-Borsellino. Il consesso civico ha deliberato anche un debito fuori bilancio.

Con 15 voti favorevoli (10 M5S, 2 Abc-Alcamo Cambierà, 2 Sicilia Futura e 1 UDC), nessun contrario e un astenuto (il grillino Filippo Salato), lunedì sera è stata approvata dal Consiglio comunale la mozione sulla micromobilità presentata dal capogruppo di SF, Giacomo Sucameli. L’atto di indirizzo politico ha impegnato l’amministrazione pentastellata, guidata dal sindaco Domenico Surdi, ad autorizzare in via sperimentale, in tutto il territorio comunale, la circolazione dei dispositivi per micromobilità elettrica, nel rispetto dei termini e delle condizioni previste nel decreto del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Nello specifico, il decreto sulla “sperimentazione della circolazione su strada di dispositivi per la micro mobilità elettrica” quali segway, hoverboard, e monopattini, emanato il 4 giugno scorso, prevede che la suddetta sperimentazione debba essere autorizzata dal comune con ordinanza “entro 12 mesi dell’entrata in vigore e deve concludersi entro e non oltre 24 mesi decorrenti dalla medesima data”. Il firmatario della mozione è stato anche autore delle tre interrogazioni consiliari trattate in Aula Falcone-Borsellino, le quali erano state rinviate nel corso della seduta precedente. La prima ha avuto ad oggetto l’installazione delle docce in spiaggia ad Alcamo Marina nel luglio di quest’anno. In particolare, l’assessore al bilancio, Fabio Butera, ha comunicato al consigliere interrogante che agli atti dell’ufficio non risulta sia stata rilasciata autorizzazione da parte degli organi competenti.

La seconda interrogazione ha riguardato la percorribilità della pista ciclabile. Sempre l’assessore Butera, intervenuto in rappresentanza dell’amministrazione, ha risposto menzionando l’ordinanza del dirigente della direzione 7, avente ad oggetto la regolamentazione provvisoria delle piste ciclabili e quella sui cortei funebri a piedi, emesse entrambe nel mese di settembre. Infine, l’ultima sui lavori della strada provinciale 47. Il componente della giunta grillina, l’assessore Vittorio Ferro ha dichiarato che i lavori sono stati affidati con determina del dirigente nel 2018 e il progetto è stato approvato dalla giunta lo stesso anno. Ad aggiudicarsi i lavori è stata la ditta “COS.IT srl” per un importo dei lavori di 232.643,45 euro (il ribasso d’asta è stato del 40,11%). Inoltre, vi è una richiesta di proroga per una perizia variante in corso di redazione. Successivamente si passati alla discussione dei debiti fuori bilancio. Il procedimento in questione era stato inserito nel registro elettronico del contenzioso 2019 con una previsione di rischio del 50% ed una ipotesi di previsione di accantonamento di € 3.543,50. Le somme tuttavia sono risultate insufficienti. Il riconoscimento del DFB, avente ad oggetto un evento infortunistico, per un ammontare complessivo di € 5.017,50 è stato dunque votato favorevolmente da 14 consiglieri comunali (11 M5S e 3 Abc-Alcamo Cambierà), nessun contrario e 3 astenuti: Giacomo Sucameli e Giovanni Calandrino di SF e Rita Norfo dell’UDC. Un emendamento tecnico alla delibera è stato prima messo ai voti con lo stesso esito.  Il consigliere comunale Mauro Ruisi, nonostante abbia sottolineato i miglioramenti dei tempi nei pagamenti in generale dei debiti fuori bilancio, nel corso del suo intervento, ha proposto l’affidamento all’esterno della difesa dell’ente per quanto riguarda alcune possibili negoziazioni assistite. Invece, l’esponente pentastellata Annalisa Ferrara ha comunicato all’Aula Consiglio i dati della cause vinte dall’avvocatura comunale che registrano un miglioramento del trend: sono state 45 quelle vinte e 32 quelle perse nel 2017; 62 le cause vinte e 28  quelle perse nel 2018; infine, 36 le controversie vinte, 16 quelle perse e 10 quelle parziali, nel 2019 (ancora non concluso). L’assessore al bilancio, Fabio Butera, ha voluto ricordare l’attenzione dell’amministrazione, targata M5S, nei confronti di tale settore dell’ente, mediante l’aumento delle ore della dipendente dell’ufficio legale passate da 24 a 30. Proprio la scorsa settimana, la lavoratrice, insieme ad altri colleghi del comune, ha firmato il contratto a tempo indeterminato.

Linda Ferrara

Condividi su: