Incidente mortale a Valderice. Perde la vita il 38enne Davide Di Gregorio

redazione

Incidente mortale a Valderice. Perde la vita il 38enne Davide Di Gregorio

Condividi su:

giovedì 17 Ottobre 2019 - 11:07
Incidente mortale a Valderice. Perde la vita il 38enne Davide Di Gregorio

Nuovo incidente mortale nel trapanese. Ancora una volta, a perdere la vita, è un giovane, il 38enne Davide Di Gregorio che stava transitando a bordo di un’utilitaria sulla via Crocci. Fatale lo scontro con un’altra autovettura, probabilmente a causa di un sorpasso. Feriti il conducente dell’altro mezzo e il figlio, che viaggiava assieme al padre. Entrambi sono stati estratti dalla lamiere della propria vettura grazie all’intervento dei Vigili del Fuoco e successivamente accompagnati all’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani. Sul posto sono intervenuti il 118, i Carabinieri e la Polizia Municipale di Valderice.

L’impatto è avvenuto in via Crocci, arteria viaria soggetta a un traffico particolarmente intenso in queste settimane, a causa della temporanea chiusura per lavori di manutenzione della SS187 che collega Trapani con Valderice, che sta causando non pochi disagi agli automobilisti in transito e che si protrarrà fino al prossimo 4 novembre. Così si era espresso a riguardo il primo cittadino valdericino Francesco Stabile: “Da diversi giorni siamo in contatto con i dirigenti ANAS, con la Prefettura e con sua Eccellenza il Prefetto di Trapani Tommaso Ricciardi, per sollecitare l’ ingiustificato ritardo del completamento dei lavori di rifacimento e messa in sicurezza della SS 187. Ritardo che si è venuto a verificare per un mancato pagamento dello stato di avanzamento dei lavori da parte di Anas alla ditta appaltatrice. Nelle ultime ore abbiamo avuto garanzie che il problema a giorni verrà superato e a breve inizieranno i lavori. […] Vigileremo ancora insieme al Prefetto cosi come è stato fatto, affinché l’ Anas svolga i lavori a regola d’ arte e in tempi più celeri possibili.

Anche la sindaca di Erice Daniela Toscano si era espressa con disappunto, proprio ieri, rispetto all’ulteriore proroga di tre settimane della chiusura della statale. “Non si comprende come mai – ha affermato la Toscano – tali lavori stiano andando così a rilento e voglio auspicare, a tal proposito, l’autorevole intervento del Prefetto magari attraverso la convocazione di un tavolo tecnico con i soggetti a vario titolo interessati ai lavori, affinchè siano chiariti i motivi del ritardo nell’esecuzione di tali lavori e siano dati tempi certi sul loro completamento”.

L’Osservatorio per la Legalità, attraverso il suo presidente – l’avvocato Vincenzo Maltese – denuncia invece la mancanza di condizioni minime di sicurezza del tratto stradale SP52 – Viale Crocci, sottolineando come già in passato fossero accaduti sinistri gravi e mortali. “Che si aspetta a mettere in sicurezza questa arteria stradale?”, chiede Maltese che al contempo il Libero Consorzio competente a provvedere con somma urgenza quantomeno a rifare la segnaletica orizzontale e a mettere dei catarifrangenti che delimitino il manto stradale nelle ore notturne. “Difatti al calar del sole la strada oltre ad essere completamente al buio non è visibile per assenza dei tratti di delimitazione con vernice rifrangente di colore bianco. Inoltre, laddove presente, il guard rail non è visibile per assenza di segnali catarifrangenti. Il risultato è una elevata pericolosità per gli automobilisti e gli utenti della strada specie nelle tratti di curva. Sappiamo che il Governo Regionale ha messo a disposizione dei Liberi Consorzi diverse somme per la messa in sicurezza delle strade provinciali. Nel medio termine auspichiamo pertanto l’installazione di idonea illuminazione che ridurrebbe di molto i rischi di gravissimi incidenti su Viale Crocci”.

Condividi su: