Fermo biologico 2022, convocata la Commissione. Catania: “La questione va affrontata con urgenza”

redazione

Fermo biologico 2022, convocata la Commissione. Catania: “La questione va affrontata con urgenza”

Condividi su:

Saturday 03 December 2022 - 10:34

“Ho chiesto e ottenuto dal Presidente Gaspare Vitrano la convocazione in Commissione attività produttive dell’Assessore regionale alla pesca e del Direttore generale del Dipartimento per affrontare l’emergenza del fermo biologico 2022 per i pescatori e gli armatori siciliani”.

Lo annuncia l’onorevole regionale Nicola Catania (FdI) che giovedì a Palermo ha incontrato una delegazione della neonata associazione “Armatori liberi” di Mazara del Vallo, insieme agli assessori regionali Luca Sammartino e Mimmo Turano. All’incontro ha partecipato anche il Presidente del consiglio comunale di Mazara Vito Gancitano.

Sul tavolo di discussione ci sono i due decreti firmati dall’ex assessore Tony Scilla del 16 marzo e del 25 luglio scorso, nei quali vengono chiariti particolari e tempi del fermo biologico. Per il decreto del 25 luglio il Ministero delle politiche agricole ha chiesto alla Regione «di provvedere alla modifica o abrogazione» perché non conforme ad alcune direttive europee recepite in Italia in merito all’arco temporale di riferimento. L’assessore Luca Sammartano ha revocato il decreto del 25 luglio e modificato parzialmente quello del 16 marzo.

«La questione ruota attorno ai tempi di effettuazione del fermo biologico 2022 – spiega l’onorevole Catania – alcuni armatori già con l’entrata in vigore del decreto di marzo hanno ottemperato ai 30 giorni di fermo obbligatorio; mentre, con la modifica dovuta al richiamo del Ministero, ora rischiano di perdere il pagamento del fermo e finanche di ricevere eventuali multe se non rispettano il nuovo periodo di fermo previsto dal 1° agosto al 31 dicembre». La questione è complessa, «e va affrontata con urgenza guardando a imprese e lavoratori che già da anni affrontano una crisi spaventosa del settore, alla quale non si può aggiungere un ulteriore danno economico», conclude l’onorevole Nicola Catania.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Commenta