Castellammare: si dimette l’assessora al Sociale e all’Istruzione Emanuela Scuto

redazione

Castellammare: si dimette l’assessora al Sociale e all’Istruzione Emanuela Scuto

Condividi su:

Friday 20 May 2022 - 13:06

Si è dimessa l’assessora Emanuela Scuto, 38 anni, avvocatessa, in giunta con il sindaco di Castellammare Nicolò Rizzo, da giugno dello scorso anno.

Indicata dal movimento “Via” che ha 4 consiglieri nel consesso comunale, Emanuela Scuto, dimessasi “per motivi personali” si occupava di servizi sociali, pubblica istruzione, informatizzazione e digitalizzazione, legalità, contenzioso e rapporti legali.

Il sindaco Nicolò Rizzo ringrazia Emanuela Scuto «per il lavoro svolto con impegno in questo anno in giunta ricoprendo l’incarico con spirito di servizio e contribuendo a portare a termine risultati amministrativi nell’interesse della nostra città. Ad Emanuela Scuto il ringraziamento di tutta l’amministrazione comunale certi che continuerà a portare il suo contributo».

Il sindaco Nicolò Rizzo fa presente che «nei prossimi giorni sarà integrato l’esecutivo» che, dopo le dimissioni di Emanuela Scuto, al momento è formato da 4 assessori.  

Nella giunta guidata dal sindaco Nicolò Rizzo sono presenti altre due donne: la vice sindaca Brigida Di Simone che si occupa di urbanistica, edilizia privata, attività produttive, pari opportunità e politiche giovanili e Maria Tesè che ha le deleghe al turismo, spettacolo, cultura e sport.

L’assessore Giovanni Portuesi ha le deleghe al bilancio, tributi, servizi demografici, rapporti con il consiglio comunale, rapporti con gli uffici scolastici regionali.

L’assessore Antonio Senia si occupa di agricoltura e pesca, protezione civile, manutenzione strade, manutenzione rete idrica e fognaria, verde pubblico, arredo urbano e ambiente, rapporti con le frazioni di Castellammare e valorizzazione di monte Inici.

Deleghe al personale, sicurezza pubblica, viabilità, polizia municipale e lavori pubblici sono di competenza dello stesso sindaco Nicolò Rizzo.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Commenta