Legati@Natale.2, a Roma grande apprezzamento per i lavori dell’Istituto “Almanza”

redazione

Legati@Natale.2, a Roma grande apprezzamento per i lavori dell’Istituto “Almanza”

Condividi su:

lunedì 20 Dicembre 2021 - 17:16

Si è tenuta domenica mattina presso la Cavea del Parco della Pace a Cava dei Selci, Marino (RM), la cerimonia finale del Progetto Legati@Natale.2 che ha visto coinvolte scuole d’Italia da nord a sud e il Patrocinio del Comune di Marino e del Comune di Pantelleria.

L’Istituto Almanza ha partecipato al progetto sia con le classi delle superiori che con quelle delle medie inferiori che hanno interpretato il concetto di ‘legarsi ad un impegno per il cambiamento sociale e ambientale’ con due lavori per il contrasto alla violenza sulle donne, lavori molto apprezzati e che hanno riscosso complimenti non solo dagli organizzatori, ma anche dai Comitati dei Genitori.

Angela Casaregola, Presidente dell’Associazione Arianna, capofila de La Nostra Buona Stella (LNBS), ha spiegato come è nato Legati@Natale.2: partendo dai semi gettati da La Nostra Buona Stella per combattere la povertà educativa e grazie a quanti tra Comuni, associazioni, enti, comitati, scuole, Asl, ecc. hanno reso possibile questo progetto.

Le docenti di alcune scuole e le rappresentanti delle associazioni di genitori hanno ribadito l’importanza di iniziative corali e di rete come queste e hanno raccontato la loro esperienza e quella degli studenti che hanno partecipato alle attività.

In rappresentanza del Comune di Pantelleria è intervenuta l’Assessora alla Cultura e alle Politiche Giovanili Francesca Marrucci che ha proposto all’Almanza di partecipare e ha descritto il lavoro fatto dai ragazzi e dai docenti panteschi, spiegando l’importanza del coinvolgimento di Pantelleria in un progetto che mette al centro la comunità educante e chiama in causa non solo la scuola, ma anche le famiglie.

L’Assessora alla Cultura e alla Pubblica Istruzione del Comune di Marino, Pamela Muccini, ha sottolineato il valore di tutti i lavori pervenuti, riassunti poi in una grande istallazione artistica posta all’entrata del parco: un boschetto di canne, utilizzate nella tradizione per legare le viti nelle vigne, con un albero per ogni scuola.

Alcuni alberi riportavano i pensieri espressi dai ragazzi, come quello dell’Almanza che riprendeva le decorazioni dell’albero creato su un muro della scuola, con riflessioni davvero toccanti contro la violenza sulle donne.

Altri alberi erano decorati con i lavori di riciclo dei materiali fatti da varie classi delle tante scuole che hanno partecipato, dalle scuole d’infanzia agli istituti superiori, da Bergamo a Pantelleria, passando per Roma e i Castelli Romani.

Anche i ragazzi delle medie inferiori dell’Istituto Omnicomprensivo Almanza hanno creato un video che ha riscosso particolare successo perché molto intenso, sempre sul tema della violenza contro le donne.

Un ringraziamento per questo impegno va certamente ai ragazzi, ma anche al dirigente dell’Istituto, Antonio Provenza, che si è dimostrato da subito disponibile a lavorare su nuovi progetti, e alle docenti che hanno lavorato insieme ai ragazzi: Simona Scialanga e Caterina Lionti, che hanno anche avuto la funzione di coordinatrici.

Una menzione particolare va anche a studenti e docenti che hanno lavorato sul video delle medie inferiori. Alle studentesse: Alessia Almanza, Arianna Belvisi, Claudia Turco, Dalila Parisi, Gloria D’Aietti, Alessia Bonomo, Maria Lo Giudice e Atena Eyraud, e ai docenti: Vito Lombardo, Marco Russo, Salvatore Infranca e Antonina Barbera.

La speranza è che il prossimo anno l’iniziativa cresca ancora e che questa rete di collaborazione tra scuole, Comuni, genitori e associazioni possa consolidarsi e portare avanti altri importanti progetti.

Un’opportunità di incontro e confronto importante per Pantelleria e per i nostri ragazzi,” afferma l’Assessore Marrucci, “che spero di poter estendere anche alle scuole elementari e dell’infanzia. Le reti della comunità educante sono sempre più numerose in Italia, ma spesso i territori più lontani, come le isole, ne restano esclusi.

Questo è un altro primo passo per creare opportunità di contatto e scambio per i giovani panteschi, che nel corso del prossimo anno sarà ulteriormente implementata grazie alla collaborazione di dirigenti e docenti che finora è stata davvero esemplare.”

Le foto ed i video dei lavori dei ragazzi e della cerimonia di ieri si potranno vedere sui social del Comune di Pantelleria

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta