Champions League 2021/2022 chi la vincerà?

redazione

Champions League 2021/2022 chi la vincerà?

Condividi su:

mercoledì 15 Settembre 2021 - 11:59

Come ogni anno verso la metà di settembre torna in scena lo spettacolo della Champions League in una stagione che si preannuncia molto divertente e ricca di sorprese, con molte sfide che si potranno vedere sulla Piattaforma online italiana realizzata da Mediaset.

32 squadre, tra cui 4 della Serie A sono suddivise a gruppi di 4 in otto gironi che sono composti così:

A: Manchester City – PSG – RB Lipsia – Club Bruges

Nel primo girone sono state sorteggiate due delle squadre più forti della competizioni che da anni, grazie ai ricchi investimenti dei loro presidenti, da anni possono permettersi di comprare i migliori giocatori. Sarà una sfida con andata e ritorno che profuma di finale anticipata con Messi ve ritroverà il suo mentore Pep Guardiola con la quale ha vinto titoli e segnato valanghe di rete ai tempi del Barcellona. Il Lipsia potrebbe essere il terzo incomodo ma difficilmente riuscirà a impensierire le due big anche se i tedeschi hanno un gruppo di giovani calciatori che sanno giocare bene offrendo idee tattiche moderne e offensive.

B: Atletico Madrid – Milan – Liverpool – Porto

Un girone sulla carta molto equilibrato con i rossoneri che arrivando agli ottavi potrebbero voler alzare l’asticella e gasarsi in queste notti europee. Tutte saranno belle partite e da qui potrebbe uscire la squadra rivelazione del torneo.

C: Sporting Lisbona – Borussia Dortmund – Ajax – Besiktas

I tedeschi con un Halland in splendida forma potrebbero qualificarsi come primi affrontando così agli ottavi una squadra più facile sulla carta. I gialloneri, dopo aver raggiunto la finale del 2012-2013 contro i concittadini del Bayern Monaco vogliono stupire e provare a raggiungere quel traguardo, magari con un esito finale diverso. Alcune cessioni però hanno indebolito la rosa che rispetto agli altri anni sembra un pochino più debole.

D: Inter – Real Madrid – Shakhtar Donetsk – Sheriff Tiraspol

In un girone che è quasi un remake delle scorso anno con i moldavi che accedono per la prima volta alla fase finale della Champions i nerazzurri hanno l’obbligo di passare il turno anche per vendicare le delusioni dello scorso anno, ma Ancelotti e il suo Real Madrid saranno un ostacolo difficile da superare. Gli spagnoli non partono come favoriti per la vittoria di questa competizione, ma attenzione a non sottovalutare il loro Dna europeo e campione come Benzema e Modric che nonostante il passare degli anni sono sempre ad altissimi livelli.

E: Bayern Monaco – Barcellona – Benfica – Dynamo Kiev

I tedeschi sono una macchina da guerra e sono tra le favorite per la vittoria finale mentre il Barcellona dopo i problemi economici e le cessioni di Messi e Griezmann sta attraversando una fase di transizione, ma i blaugrana non dovrebbero aver problemi a raggiungere gli ottavi, anche se il Benfica senza nulla da perdere potrebbe mettere in crisi i catalani.

F: Villareal – Manchester United – Atalanta – Young Boys

I ragazzi di Gasperini sono stati inseriti in un girone equilibrato con i campioni in carica dell’Europa League allenati da un maestro come Emery, Cr7 tornato ad indossare il rosso United e gli svizzeri dello Young Boys che potrebbero stupire. L’atalanta proverà ad andare avanti grazie al bel gioco e la foga agonistica che mette in campo in ogni partita, qualità che sicuramente può mettere in difficoltà chiunque.

G: Lilla – Siviglia – Salisburgo – Wolfsburg

4 squadre che negli altri gironi sarebbero state molto probabilmente eliminate si possono giocare le proprie carte nel gruppo G con tutte che hanno la possibilità di qualificarsi alla fase a gironi. I campioni di Francia del Lilla forse sono favoriti, ma non dobbiamo rimanere sorpresi se poi a passare saranno le altre.

H Chelsea – Juventus -Malmoe – San Pietroburgo

La Juventus di Max Allegri affronterà i campioni del Chelsea che dopo l’exploit dello scorso anno non hanno intenzione di lasciare il trofeo e l’arrivo di Lukaku è un chiaro segnale che questa squadra è da considerare tra le favorite. Se l’anno scorso a Tuchel è mancato un attaccante centrale capace di finalizzare il gioco offensivo adesso con il bomber belga ha risolto questi problemi e può aver più soluzioni per sbloccare anche quelle partite che con il passare dei minuti diventano sempre più complicate e con la sua velocità e la forza fisica può tenere su il pallone e sfruttare i contropiedi

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta