Covid a Valderice, guarito il viceparroco di Crocci

redazione

Covid a Valderice, guarito il viceparroco di Crocci

Condividi su:

lunedì 18 Gennaio 2021 - 17:58

Don Boniface Nkrunziza, vice-parroco a Crocci e Chiesanuova, frazioni di Valderice, ha concluso il periodo di isolamento per infezione da Covid dopo essere risultato negativo al tampone nasofaringeo mediante analisi molecolare. Lo ha comunicato oggi l’Asp di Trapani al sacerdote che si trovava in quarantena dal giorno di Natale, sempre in buone condizioni di salute, e al suo medico curante che lo aveva seguito in queste settimane.

Don Boniface è il secondo prete della Diocesi ad essere contagiato e guarito dal covid-19. Nel mese di settembre scorso era risultato positivo padre Vincenzo Seidita parroco della parrocchia “San Francesco d’Assisi” a Trapani, guarito dopo circa tre settimane di isolamento.

Nei giorni scorsi, intanto, dopo la riunione con i vescovi di Sicilia e le norme restrittive stabilite dal governo e dalla regione siciliana, il vescovo Pietro Maria Fragnelli ha invitato sacerdoti e fedeli ad una maggiore prudenza e vigilanza sull’applicazione delle norme anti-contagio.

Nella situazione disegnata dal Decreto-Legge 172 non ci sono cambiamenti circa la visita ai luoghi di culto e le celebrazioni: entrambe sono sempre permesse, in condizioni di sicurezza e nella piena osservanza delle norme.

Durante i giorni di “zona rossa” i fedeli devono avere con sé un modello di autocertificazione per andare a Messa.

Rimangono aperti, sempre osservando scrupolosamente le norme contro il contagio, anche i centri di ascolto e i centri per la distribuzione degli alimenti delle Caritas parrocchiali, mentre gli incontri di catechesi, di formazione, di preparazione ai sacramenti si terranno su piattaforma digitale evitando gli incontri in presenza.

Il vescovo Fragnelli ha anche stabilito che, nelle settimane di “zona rossa”, non sarà possibile ricevere a casa l’Eucarestia per gli ammalati e gli anziani.

«Faccio mie le preoccupazioni e le speranze di tutto il popolo e degli addetti alla prevenzione dei contagi e alla cura dei nostri malati – ha detto il vescovo di Trapani – Impegniamoci tutti di più nel rispetto delle regole e facciamo crescere la possibilità concreta di uscire presto da questo delicato tunnel. Conto su ciascuno di voi, piccoli e grandi, e con voi intensifico la preghiera fiduciosa per poter abitare una vita migliore quanto prima».

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta