Scorpioni si aggirano nel centro di Marsala, pare siano “italicus”

redazione

Scorpioni si aggirano nel centro di Marsala, pare siano “italicus”

Condividi su:

martedì 07 Luglio 2020 - 08:00
Scorpioni si aggirano nel centro di Marsala, pare siano “italicus”

Ha destato molta preoccupazione quanto visto di persona da un cittadino marsalese nella zona dell’ex Tribunale di Marsala. In strada, alcuni giorni fa, ha avvistato ben 4 esemplari di quelli che chiaramente sembravano degli scorpioni. “Erano due grandi e due piccoli, apparentemente appartenenti alla stessa famiglia – ci dice il testimone -. Si trovavano per strada e poi si sono diretti nei vicini palazzi. Sono rimasto molto impressionato”.

In effetti a ben vedere lo scorpione non è un animale comune in Italia, vivendo principalmente tra Sudamerica e Asia. Lungi dall’essere degli entomologi, inizialmente si pensava che gli esemplari avvistati a Marsala potessero essere giunti fin qui attraverso il deposito di uova nelle merci provenienti dall’estero. Ma a ben guardare le immagini dell’esemplare più grosso, parrebbe trattarsi invece di ‘Euscorpius Italicus’, una specie che vive in Italia, ma più in generale in Europa e nel Nord Africa. Il suo habitat sono vecchie mura, pietraie e legnaie, dove trova rifugio in buchi, anfratti e crepe. Ma può vivere altresì in case vicino ai boschi.

Di certo non è velenoso come gli scorpioni più temibili in quanto ha un veleno ridotto che al massimo provoca – in chi viene punto – un dolore intenso e passeggero, simile a quello causato dalle punture di vespe e api. Il corpo è di colore nero-bruno mentre le chele e le zampe sono di una tonalità più chiara che tende al rossiccio. Questo aracnide predilige gli habitat asciutti e caldi ed è una specie “sinantropica”. Certo è che difficilmente si vedono dalle nostre parti e forse sarebbe opportuno fare una disinfestazione del territorio che, peraltro, vede la massiccia presenza di blatte.

Nella foto uno dei 4 scorpioni ritrovati nei pressi dell’ex Tribunale di Marsala

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta