Processo Buffa: imbarazzo per le deposizioni dei due politici marsalesi

redazione

Processo Buffa: imbarazzo per le deposizioni dei due politici marsalesi

Condividi su:

Wednesday 24 June 2020 - 13:41

Due esponenti politici marsalesi sono stati tra i protagonisti dell’udienza tenutasi presso la Corte d’Assise di Trapani del processo che vede imputata, con rito ordinario, Margareta Buffa. Si tratta del procedimento scaturito dall’omicidio della giovane Nicoletta Indelicato, per il quale è già stato condannato Carmelo Bonetta nel processo celebratosi a Marsala con rito abbreviato.

Il consigliere comunale Ignazio Chianetta ha ammesso di avere avuto una brevissima relazione con la Buffa, durante un periodo di crisi familiare e di averle prestato anche dei soldi, che la ragazza gli ha poi restituito.

L’ex consigliere comunale Salvatore Di Girolamo ha invece ammesso di aver effettuato delle avances anche nei confronti di Nicoletta Indelicato, cui però la ragazza rispose negativamente.

Chiaramente, si tratta di due deposizioni che hanno creato non poco imbarazzo negli ambienti della politica marsalese.

“Avevamo chiesto di procedere a porte chiuse in quanto si riteneva che l’udienza potesse nuocere al buon costume” – sottolinea l’avvocato Giacomo Frazzitta, legale di parte civile della famiglia Indelicato -. Tuttavia, la Corte non ha accolto la richiesta, disponendo che si procedesse a porte aperte”.

Nel corso dell’udienza è stato sentito, tra i testimoni indicati dalla Procura, anche Nicolò Renda, psichiatra che ha effettuato l’esame nei confronti di Bonetta dopo l’arresto, nel corso di un colloquio avvenuto in carcere. Renda, in particolare, si è soffermato sui fatti legati all’omicidio di Nicoletta, riferendo che l’uomo disse di essere stato inizialmente contrario, per poi cedere alle insistenze di Margareta Buffa, che arrivò a dirgli che non avrebbe mai avuto figli da lui se non avesse accettato di condividere il suo disegno criminale.

La prossima udienza si terrà il 20 luglio. Nell’occasione verrà sentito anche Renato Isaia.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Commenta