A Birgi per l’aeroporto nel segno dell’unità del territorio. Tornano i voli per Roma con AlbaStar (VIDEO)

vincenzofiglioli

A Birgi per l’aeroporto nel segno dell’unità del territorio. Tornano i voli per Roma con AlbaStar (VIDEO)

Condividi su:

mercoledì 17 Giugno 2020 - 12:25
A Birgi per l’aeroporto nel segno dell’unità del territorio. Tornano i voli per Roma con AlbaStar (VIDEO)

Si è conclusa con un’importante novità e con un simbolico lancio di aeroplani di carta, il Flash Mob “Noi vogliamo volare”, promosso nei giorni scorsi dall’Airgest. In coda all’iniziativa, infatti, il presidente Salvatore Ombra ha fatto salire sul palco la presidente della compagnia AlbaStar che dal mese di luglio garantirà un collegamento giornaliero con Roma Fiumicino (andata alle 7 e ritorno alle 21.30), colmando così il vuoto nella programmazione estiva che si era creato dopo l’improvvisa uscita di scena di Alitalia.

La mobilitazione odierna ha avuto un’ottima partecipazione, a testimonianza dell’attenzione con cui il territorio segue le sorti dell’aeroporto “Vincenzo Florio” di Birgi. Accanto al presidente Ombra la deputata regionale Eleonora Lo Curto, i rappresentanti dei Comuni della provincia di Trapani, il Distretto Turistico Sicilia Occidentale, la Camera di Commercio, Sicindustria, i sindacati, il comitato “Se volo, resto”, i ristorati dell’associazione Art e tanti cittadini provenienti dalle varie aree del territorio.

La prima a prendere la parola è stata la capogruppo all’Ars dell’Udc Eleonora Lo Curto, che ha sottolineato la vicinanza del governo regionale all’aeroporto: “Da quando ci siamo insediati abbiamo lavorato per rilanciarlo. E personalmente ho lavorato affinché Salvatore Ombra venisse nominato dal presidente Musumeci alla guida di Airgest”.

A seguire lo stesso presidente di Airgest, Salvatore Ombra, che ha ricostruito queste settimane difficili, segnate dall’abbandono di Alitalia: “Ognuno fa le sue scelte, ma non si può andar via a 20 giorni dall’inizio della stagione estiva, in maniera unilaterale”. Il presidente di Airgest ha colto l’occasione per ricordare come la stessa compagnia di bandiera avesse impugnato il primo bando per il nuovo co-marketing, senza poi firmare il contratto per le rotte che si era aggiudicata con il secondo bando, promosso dal Comune di Marsala.

Poi la conferma del primo volo Ryanair dopo il lockdown, previsto per il prossimo 21 giugno e l’annuncio di una nuova ricapitalizzazione da parte della Regione per far fronte alle perdite economiche di quest’anno. Regione è stata vicina a questo aeroporto. Con un occhio al futuro, Ombra ha poi ribadito la necessità di eliminare definitivamente l’addizionale comunale per tutti gli aeroporti al di sotto del milione di passeggeri, sottolineando come i piccoli scali possano avere un ruolo fondamentale nella crescita dei territorio e invitando tutti a lavorare in sinergia per il bene della provincia: “Abbiamo tutto, ci manca l’unione. Se in un solo momento diventassimo un unico corpo, questa terra non darebbe spazio a nessuno”.

In rappresentanza dei 24 sindaci del territorio sono poi intervenuti i primi cittadini di Trapani e Marsala.

“Chiediamo al governo – ha sottolineato Giacomo Tranchida – che la nostra non sia considerata l’ultima provincia d’Italia, ma la prima d’Europa. Lo Stato non può finire a Palermo. Questa è la provincia della speranza per il turista che vuole andare in vacanza dopo il lockdown”. Poi l’attacco a Palermo: “Sbagliata la logica di chi considera Birgi il magazzino di Punta Raisi”.

Alberto Di Girolamo ha ricordato l’impegno del Comune di Marsala a favore dell’aeroporto e ha sottolineato l’importanza delle varie infrastrutture (anche strade, autostrade e ferrovie) per la mobilità di cittadini e turisti.

Il presidente della Camera di Commercio Pino Pace ha invece lanciato l’allarme sull’economia post lockdown: “per almeno altri 18 mesi avremo grandi difficoltà per le nostre imprese, tocca a noi fare proposte e a chi governa metterle in pratica”.

Duro il presidente di Sicindustria Trapani Gregory Bongiorno nei confronti della politica nazionale (“oggi mancano solo i nostri rappresentanti a Roma”), mentre Rosalia D’Alì ha fatto riferimento alla massiccia campagna di comunicazione che il Distretto Turistico Sicilia Occidentale sta per lanciare per la promozione del territorio.

A seguire gli interventi del comitato “Se volo, resto”, con Caterina Loria e Fabio Di Bono e la rappresentante dell’associazione ristoratori trapanesi, Rosi Napoli.

Infine, come detto in apertura, l’annuncio a sorpresa della nuova rotta per Roma di AlbaStar, che – come riferito dalla presidente Daniela Caruso – conta di attivarne anche un’altra per Milano Linate, che in tal modo sanerebbe completamente il vulnus creato dalla fuga di Alitalia.

un momento dell’incontro – Al centro Patrizia Caruso e Salvatore Ombra

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta