#32/Angelo Maria Ripellino – Poesie in quarantena

Francesco Vinci

#32/Angelo Maria Ripellino – Poesie in quarantena

Condividi su:

Sunday 19 April 2020 - 17:33

Tutto è possibile la domenica: una qualsiasi sorpresa,
un’auto con amici fuggiti da un umido camping alpestre,
uno scroscio, uno screzio, una chiamata inattesa.
Sono deserte le scatole delle finestre,
dormono le qualità, le analogie, le diatrìbe,
dormono la pecoraggine e la villanìa dei profeti,
e le colombine tornate dai balli. Ma tutto è possibile:
una fiammata di ebbrezza, uno scherzo al telefono,
la morte di un giallo uccellino ucciso dal freddo,
il passaggio di una nuvolaglia di crespo esequiale,
l’arrivo di un pittore barbuto da Praga. Tutto è possibile.
L’architettura maldestra del vuoto domenicale
si scompiglia e si amàlgama come il mercurio.
Accada dunque qualcosa, perché la noia verde-malva
non accartocci il castello del cosmo in un disperato tugurio.

Angelo Maria Ripellino, Poesie (1952-1978), Einaudi, 1990

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Commenta