Mondo Energia: il benessere è… un risultato di squadra

redazione

Mondo Energia: il benessere è… un risultato di squadra

Condividi su:

martedì 17 Dicembre 2019 - 10:14
Mondo Energia: il benessere è… un risultato di squadra

[ PUBBLIREDAZIONALE ] Negli ultimi anni, le tecnologie per il riscaldamento domestico hanno fatto passi da gigante, sia in termini di comfort che di efficienza e risparmio energetico.

La diffusa consapevolezza dell’emergenza climatica e una maggiore sensibilità individuale verso l’ambiente spingono verso nuove soluzioni, grazie alle quali è possibile assicurarsi il massimo benessere con consumi di energia estremamente ridotti.

Questo cambiamento è basato soprattutto sull’integrazione, in ambito residenziale, di tutte le più avanzate tecnologie per la autoproduzione di energia e la climatizzazione. Un “cammino” che può essere realizzato anche progressivamente, sulla base di un progetto complessivo che si sviluppa in diversi step.

Abbiamo accettato volentieri l’invito di Vincenzo Frazzitta, responsabile tecnico e amministratore di Mondo Energia, e siamo andati insieme a visitare un cantiere dove questa integrazione sta prendendo forma e sarà totalmente realizzata a fine lavori.

Vincenzo, cosa state facendo stamattina?

Stiamo procedendo alla posa dell’impianto a pavimento radiante, che abbiamo affidato ad uno dei nostri partner specializzati, la CB Impianti di Biagio Cottone. Noi curiamo tutta la fase progettuale, e ne seguiamo la realizzazione collaborando con gli installatori, che generalmente proponiamo noi stessi per esperienza specifica e massima competenza. Siamo molto esigenti: la qualità finale di un sistema tecnologicamente così avanzato è sempre il frutto di un attento lavoro in fase di progettazione e di altrettanta meticolosità durante le operazioni di installazione e collaudo. È necessaria una sinergia totale fra tutti i team che contemporaneamente operano nel cantiere.

Cedo volentieri la parola a Biagio, la sua competenza è la più appropriata per aggiungere qualche dettaglio tecnico.

Biagio, quanto tempo impiegherete per completare questa fase di lavoro?

Tutto quello necessario per una posa a regola d’arte. Abbiamo maturato una notevole esperienza, dall’inizio di questa partnership con Mondo Energia, siamo veloci ma soprattutto perfezionisti.

La posa di un pavimento radiante è un’operazione piuttosto delicata: centinaia di metri di tubo in multistrato che verranno completamente ricoperti dal massetto cementizio, un’installazione da eseguire scrupolosamente per garantirne la durata e l’efficienza per parecchi decenni. Nessun risparmio sui materiali utilizzati, tutti di altissima qualità, e sui tempi di realizzazione.

CB impianti eseguirà soltanto questa specifica fase?

No, in questo caso Mondo Energia ci ha affidato l’intera messa in opera del sistema integrato.

In cosa consiste, esattamente?

Abbiamo già predisposto tutto l’impianto di climatizzazione. Terminato il pavimento radiante, installeremo i terminali per la climatizzazione estiva e il generatore a pompa di calore. Infine, provvederemo ad assemblare l’impianto fotovoltaico.

Grazie, Biagio.

Vincenzo, ci spieghi brevemente il funzionamento di questo sistema e i suoi vantaggi?

Il riscaldamento a pavimento radiante ha delle caratteristiche che lo rendono nettamente superiore rispetto ai sistemi tradizionali. Il comfort è garantito da una temperatura uniforme in tutta la casa, senza la sgradevole sensazione di aria eccessivamente calda in alcune zone, tipica dei radiatori a parete o dei termoconvettori.

L’acqua che circola nei tubi a circuito chiuso viene mantenuta tra i 30 e i 35 gradi, con un notevole risparmio di energia quale che sia il generatore, caldaia a condensazione o pompa di calore.

E le basse temperature di funzionamento sono garanzia assoluta di durata ed efficienza dell’impianto, sia delle tubazioni sia della sorgente stessa.

A quali costi si va incontro?

In sede di nuova costruzione o ristrutturazione, realizzare l’impianto a pavimento radiante ha costi che, complessivamente, non sono superiori a quelli di un sistema tradizionale a radiatori: i termosifoni di buona qualità hanno prezzi non indifferenti, e la scelta del radiante è un investimento destinato a durare molto più a lungo.

Noi suggeriamo di proiettarsi nel futuro in maniera ancora più decisa. Le peculiarità climatiche della nostra zona, particolarmente favorevoli per la mitezza delle temperature invernali e l’abbondanza di luce solare, sono ideali per l’utilizzo di sistemi integrati innovativi grazie ai quali si raggiunge il massimo benessere con consumi di energia estremamente ridotti.

Un impianto fotovoltaico garantisce una cospicua autoproduzione di energia elettrica, compresa quella necessaria per alimentare la pompa di calore centralizzata: questo “cuore” ad alta tecnologia assicura la climatizzazione in tutte le stagioni e la copertura del fabbisogno di acqua calda sanitaria.

Queste sono le prospettive per un futuro che in realtà è già il presente, sia tecnologicamente che da un punto di vista economico. Lo Stato italiano sta incentivando parecchio questa conversione: con l’Ecobonus si recupera il 65% dell’intero investimento, sia quando l’impianto a pavimento radiante viene abbinato a caldaia a condensazione o pompa di calore, sia quando si sceglie di realizzare un sistema integrato.

Grazie, Vincenzo, alla prossima!

Condividi su: