Dopo l’incendio il Geometra apre ma senza gli studenti: “Odore di bruciato ancora forte”

redazione

Dopo l’incendio il Geometra apre ma senza gli studenti: “Odore di bruciato ancora forte”

Condividi su:

lunedì 07 Ottobre 2019 - 17:29
Dopo l’incendio il Geometra apre ma senza gli studenti: “Odore di bruciato ancora forte”

Le lezioni sospese per tutta la settimana, all’Istituto per Geometri di Petrosino e che dovevano riprendere questa mattina, hanno registrato una ulteriore tappa. Dopo l’incendo divampato, che aveva causato danni ingenti all’interno dell’edificio, la scuola era rimasta chiusa. Secondo quanto ci aveva dichiarato il responsabile della sede, Manlio Gerardi, oggi dovevano riprendere le lezioni – come abbiamo detto – ma gli alunni e in modo particolare alcuni genitori che li hanno accompagnati, constatata la presenza di un odore ancora aspro, hanno deciso di astenersi dal fare scuola. “Secondo noi – ci ha detto una signora che ha parlato in rappresentanza di altri genitori – i nostri figli non possono regolarmente svolgere 5 ore di lezione con questo odore acre che si sprigiona in tutte le classi. Noi proponiamo all’istituto di cercare soluzioni alternative”.

Un gruppo di rappresentanti dei genitori si è recato alla sede centrale di Mazara del Vallo per discutere con la dirigente scolastica. “Abbiamo cercato soluzioni alternative – ci ha detto Manlio Gerardi, responsabile della sede petrosilena – ma dopo i necessari controlli abbiamo convenuto con l’ex Provincia proprietaria dei locali che la soluzione migliore era quella di riprendere le lezioni nei locali che si trovano al piano superiore e che non sono stati interessati dall’incendio. Non capisco perchè questa mattina gli alunni e i genitori abbiano deciso di non entrare a scuola. Da domani però noi, che tramite il Libero Consorzio dei Comuni, siamo in possesso di tutti i requisiti necessari, riprenderemo regolarmente le lezioni”. Intanto per domani è previsto il via ai lavori per il rifacimento dell’impianto elettrico che era stato danneggiato dalle fiamme.

Condividi su: