Paolo Ruggieri: “Diventerà Bellissima sta lavorando per unire i moderati alternativi alla giunta in carica”

Gaspare De Blasi

Paolo Ruggieri: “Diventerà Bellissima sta lavorando per unire i moderati alternativi alla giunta in carica”

Condividi su:

sabato 06 Aprile 2019 - 06:56
Paolo Ruggieri: “Diventerà Bellissima sta lavorando per unire i moderati alternativi alla giunta in carica”

Paolo Ruggieri già coordinatore provinciale del Movimento “Diventerà Bellissima”del quale è leader il presidente della regione Sicilia, Nello Musumeci.

Avvocato, che idea si è fatta sulle recenti vicende giudiziarie che hanno visto coinvolti diversi esponenti politici della provincia?

“Premesso che dal punto di vista giudiziario io sono e sarò sempre un garantista, e quindi ho piena fiducia nell’operato della magistratura, ma altrettanto affermo che nessuno è colpevole fino a condanna definitiva. Da appassionato di politica mi sono chiesto se vale la pena continuare a coltivare questa passione. Chi fa politica deve parlare con la gente, e in certi Comuni è difficile sapere bene con chi si va a bere anche un semplice caffè. Queste indagini hanno sconvolto la nostra provincia trasversalmente e gli atteggiamenti del mondo politico mi fanno pensare”.

A chi e a cosa si riferisce?

“Qualcuno fino a qualche settimana fa faceva a gara per far parte del Pd, adesso tutti disconoscono Paolo Ruggirello. A prescindere dalle vicende giudiziarie, se un giorno qualcosa dovesse andare storto in Diventerà Bellissima, non posso ad un tratto non conoscere più nessuno”.

E sulle richieste di dimissioni di Enzo Sturiano presidente del Consiglio comunale formalizzate in Aula, ma provenienti anche dalla cosiddetta società civile, qual’è il suo pensiero?

“Se il riferimento è all’arresto di Paolo Ruggirello, io posso solo affermare che Sturiano ha diretto per tanti anni molto bene il Massimo Consesso Civico marsalese. E in questi anni era vicino alle posizioni dell’ex deputato regionale. Certo che la vicenda giudiziaria che scuote il mondo politico lascia interdetti tutti. E credo anche Sturiano, che ha comunque la capacità di decidere da solo quello che deve fare”.

Lei comunque continuerà a fare politica e il suo impegno nelle vicende politiche che hanno portato ad alleanze e alla formazione delle liste nei comuni dove tra poco si vota, è stato palese. A Marsala questo accadrà tra un anno. Avete avviato una discussione?

“Diventerà Bellissima, sta acquisendo adesioni in tutta la provincia. Abbiamo liste e candidati in tutti i comuni dove si voterà a breve. Anche a Marsala abbiamo avviato una discussione tra le forze civiche e politiche che hanno affinità di programma e che si riconoscono nei valori del moderati”.

Per esempio noi sappiamo di recenti colloqui…

“Mi sono incontrato alla luce del sole con Massimo Grillo, con i consiglieri comunali Flavio Coppola e Giovanni Sinacori, e con l’ex consigliere Nicola Fici. Abbiamo trovato dei punti d’incontro. Ma ancora è molto presto per parlare di alleanze organiche”.

Che giudizio dà sulla amministrazione guidata da Alberto Di Girolamo?

“Guardi io sono un moderato anche nei giudizi. Sull’impegno espresso in questi anni dal sindaco, nulla da dire. Tuttavia su tante scelte che ha operato, io la penso diversamente e per questo siamo alternativi”.

Per esempio?

“Senza cadere nella retorica, ma il piano dei rifiuti approntato dalla giunta sta funzionando? La città appare più pulita da come l’ha trovata al suo insediamento?”.

Lei su cosa punterebbe per la città di Marsala?

“A mio avviso occorre creare un “brand Marsala” da pubblicizzare al meglio per fare conoscere tutte le attrattive della nostra città e dunque per attirare l’interesse di turisti ed operatori economici”.

Sembra l’avvio del programma di un candidato sindaco…

“Per il nome del nostro candidato d’aria è ancora presto. Valutiamo il programma e le disponibilità. Poi decideremo”.

Condividi su: