Castelvetrano, i carabinieri effettuano due arresti

Gaspare De Blasi

Castelvetrano, i carabinieri effettuano due arresti

Condividi su:

martedì 13 Novembre 2018 - 10:57
Castelvetrano, i carabinieri effettuano due arresti

Carabinieri della Compagnia di Castelvetrano, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio, hanno arrestato, per la seconda volta in pochi giorni, la 20enne Campanella Maria Aurora.

Nella serata del 10 Novembre 2018, i militari del N.O.R.M.-Aliquota Radiomobile, procedendo al controllo di soggetti sottoposti a pene detentive si portavano presso l’abitazione della Campanella in atto agli arresti domiciliari per un furto aggravato di un’autovettura che, unitamente al compagno, aveva commesso il 2 Novembre.

ACCARDI SALVATORE

ACCARDI SALVATORE

Non trovandola in casa, dopo un rapido controllo preso l’abitazione del fidanzato, anch’egli ai domiciliari, dopo circa un’ora, veniva rintracciata nella sala d’attesa del Pronto Soccorso dell’Ospedale “Vittorio Emanuele” di Castelvetrano, luogo in cui si era rifugiata, lamentando dolori addominali, per cercare di sottrarsi all’arresto a seguito della violazione degli obblighi connessi alla misura cui è sottoposta.

CAMPANELLA MARIA AURORA

CAMPANELLA MARIA AURORA

Subito dopo gli accertamenti che confermavano il mero pretesto del suo allontanamento, finalizzato all’incontro col fidanzato, veniva tratta in arresto e ricondotta presso la propria abitazione, in attesa del rito direttissimo tenutosi nel pomeriggio di ieri che ha visto la convalida dell’arresto e la nuova sottoposizione agli arresti domiciliari.

In data 08 Novembre u.s., i militari dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Castelvetrano, su ordine di carcerazione disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Marsala, traevano in arresto Accardi Salvatore 59 anni, già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari per omicidio aggravato, reato commesso il 10 Gennaio 2016 togliendo la vita, con un colpo di fucile cal.12, a Pellicane Ignazio, dopo continue richieste estorsive mosse dalla vittima ai danni dell’arrestato che non aveva mai denunciato alle Forze dell’Ordine. Accardi, dopo le formalità di rito, veniva associato presso la Casa Circondariale “Pietro Cerulli” di Trapani, dovendo espiare la pena detentiva residua di 6 anni e 6 mesi di reclusione.

Condividi su: