Sicilia Acquaviti, a novembre la prima udienza preliminare davanti al GUP di Palermo

Chiara Putaggio

Sicilia Acquaviti, a novembre la prima udienza preliminare davanti al GUP di Palermo

Condividi su:

venerdì 05 Settembre 2014 - 16:32

L’azienda secondo l’accusa avrebbe sversato borlanda nel terreno circostante

È stata fissata per il 6 novembre davanti al GUP di Palermo la prima udienza che segue alla richiesta di rinvio a giudizio avanzata dal pubblico ministero della Dda Agnello nei confronti di Giuseppe Bianchi, 78 anni, rappresentante legale della “Sicilia Acquaviti” di Marsala dal 2009 al 2011, e della “Ge.Dis.” dal 1980 al 2012, e a Fabio Volpe, 48 anni, legale rappresentante della “Sicilia Acquaviti” dal 2011 al 2013. L’ipotesi di reato contestato è quello di aver disperso nell’ambiente circostante l’azienda di contrada Digerbato liquido di risulta della lavorazione industriale. L’indagine, inizialmente coordinata dal procuratore di Marsala Alberto Di Pisa e dal sostituto Giulia D’Alessandro poi, per competenza è passata alla Dda di Palermo, ed è stata avviata nel maggio 2013, quando la sezione di pg della Guardia di Finanza di Marsala cercò di saperne di più sul del possibile smaltimento illecito di scarti industriali da parte delle distillerie Ge.Dis, il cui stabilimento è nei pressi del porto, e di Sicilia Acquaviti. Dai controlli gli inquirenti hanno riscontrato che il borlanda (residuo della distillazione) della Sicilia Acquaviti sarebbe finito sui terreni attorno alla distilleria. A maggio l’impianto e terreni limitrofi per 162 mila metri quadrati sono stati sottoposti a sequestro preventivo, ma un mese dopo i sigilli sono stati rimossi. Ad avanzare la richiesta di rinvio a giudizio è stato il pm della Dda Maurizio Agnello. La prima udienza si terrà davanti al GUP Fernando Sestito. A difendere gli indagati sono gli avvocati marsalesi Paolo Paladino, Maria Letizia Pipitone, Stefano Pellegrino e Arianna Rallo che ha affermato: “Confidiamo che in breve tempo la questione sarà chiarita e l’accusa definitivamente superata”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta