Porto di Marsala, prosegue il dibattito polemico tra il Consiglio e l’amministrazione

redazione

Porto di Marsala, prosegue il dibattito polemico tra il Consiglio e l’amministrazione

Condividi su:

giovedì 02 Dicembre 2021 - 07:22

Dopo la seduta relativa all’approvazione delle variazioni di bilancio, si è tenuta una nuova riunione del Consiglio comunale di Marsala. L’ha fatta da padrone l’argomento relativo ad una riunione convocata per le stesse ore alla quale ha partecipato una parte del governo regionale, il sindaco Massimo Grillo, il presidente del consiglio comunale Enzo Sturiano i deputati regionali marsalesi Eleonora Lo Curto e Stefano Pellegrino. Presente anche l’ex sindaco Giulia Adamo.

In consiglio comunale durante la seduta e a seguito di alcuni interventi si è appreso che la delegazione indicata a partecipare a nome dell’Assise Civica che comprendeva il Consigliere Gabriele Di Pietra, Rino Passalacqua e Flavio Coppola, non è stata coinvolta ed è rimasta nella stanza del vice sindaco ad aspettare una presunta ulteriore riunione che non si è tenuta.

“Ero stato delegato a partecipare all’incontro – ha detto Flavio Coppola alla nostra redazione -. Il sindaco con esponenti della giunta regionale si sono riuniti con l’ex sindaco Giulia Adamo mentre il Consiglio comunale con i suoi rappresentanti è stato lasciato fuori. Il sindaco deve avere rispetto degli eletti della gente. Quello che ha fatto il primo cittadino è gravissimo. La città è stata mortificata. Noi rappresentiamo la gente di Marsala e questa era una riunione di interesse locale. Altrimenti non si capirebbe perché il sindaco abbia inviato soltanto i deputati regionali marsalesi e non quelli del resto della provincia. Sulla maggioranza che sostiene il sindaco dopo questo ennesimo episodio io mi trovo in una fase di riflessione”.

Sullo stesso tenore Gabriele Di Pietra che ci ha detto che ci ha detto: “Ci hanno invitato e poi ci hanno lasciato fuori ad aspettare. Hanno fatto partecipare soltanto chi evidentemente era gradito. Sono stati chiamati singolarmente. Con noi è rimasto soltanto l’assessore Paolo Ruggieri che ci ha detto che era dispiaciuto ma che avrebbe preferito rimanere con i rappresentanti del consiglio comunale. E’ stato indecoroso e per quanto mi riguarda tirerò le opportune conseguenze. Si pensi che nella qualità di presidente della Commissione Lavori Pubblici ero stato delegato anche dai colleghi che mi hanno voluto in questo ruolo”.

Ancora più duro il consigliere Rino Passalacqua. “Chissà cosa si è deciso nelle segrete stanze tra dirigenti e l’ex sindaco Adamo che non aveva alcun titolo per partecipare”.

Sulla questione ha gettato acqua sul fuoco il vice sindaco Paolo Ruggieri che tuttavia da politico navigato non si è certamente nascosto dietro il classico dito. “La ricostruzione delle due riunioni previste che ho fatto nel mio intervento in Aula rappresenta la pura verità, poi quello che è accaduto fa parte di alcune dinamiche che anche io cerco di comprendere. Una cosa è certa, occorre al più presto una riunione di maggioranza per capire chi sta con l’attuale giunta o chi sta facendo scelte diverse”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta