All’Itet “Garibaldi” la scuola inizia con creatività, la preside: “A studenti e classi consegneremo materiale scolastico”

redazione

All’Itet “Garibaldi” la scuola inizia con creatività, la preside: “A studenti e classi consegneremo materiale scolastico”

Condividi su:

lunedì 20 Settembre 2021 - 17:47

L’anno scolastico dell’Istituto Tecnico Economico e Turismo “G. Garibaldi” di Marsala inizia nel migliore dei modi. La fine di agosto ha visto gli studenti alle prese con il Laboratorio di Creatività del Pon FSE Apprendimento e socialità.

“Il modulo ha permesso agli studenti – afferma la preside Loana Giacalone – non solo di recuperare meccanismi di relazionalità in qualche modo messi tra parentesi dalla pandemia, ma anche di appropriarsi degli spazi scolastici rinnovandoli profondamente, riconquistando un senso di comunità e di appartenenza ora riscoperto. Straordinari murales, porte artistiche che parlano delle discipline di studio. Straordinari i volti ritratti dai murales, all’interno di un progetto che vuole fare il focus su temi caldi: la violenza sulle donne, la necessità di sviluppare un pensiero divergente, creativo per una scuola che è di nuovo palestra relazionale, luogo di confronto e di costruzione di ponti. Tante le attività che si rincorreranno e molte completeranno il Pon FSE Apprendimento e socialità che si compone di ben 17 moduli formativi”.

Nel frattempo il nuovo anno scolastico entra nel vivo con la seconda settimana di lezione, la prima vera. “A breve consegneremo ad ognuno dei nostri studenti delle prime classi, in comodato d’uso gratuito, la fornitura completa di libri scolastici, cartacei e digitali, e un IPad di ultima generazione, tutto frutto dell’ingente finanziamento ottenuto dal nostro istituto a seguito del Pon FSE Sussidi didattici – continua la dirigente scolastica -. Cerchiamo di essere attenti alle esigenze delle famiglie e dei nostri studenti. Gli ultimi due anni sono stati rovinosi da diversi punti di vista e il fatto di potere dare loro un aiuto concreto in relazione al diritto allo studio è per noi motivo di grande orgoglio e soddisfazione, che ci ripaga del grande sforzo messo in campo per intercettare e utilizzare al meglio le risorse. La scuola deve essere davvero ponte, reale risorsa per le nostre famiglie e i nostri studenti e abbiamo il dovere di esserci e offrire agli alunni la possibilità di crescere attraverso una pluralità di linguaggi e di esperienze ed interventi di supporto mirati”. 

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta