Marsala 2020, tavolo dei moderati pronto a svelare i suoi piani. Ruggieri: “Alternativi a Di Girolamo su Porto e rifiuti

vincenzofiglioli

Marsala 2020, tavolo dei moderati pronto a svelare i suoi piani. Ruggieri: “Alternativi a Di Girolamo su Porto e rifiuti

Condividi su:

giovedì 03 Ottobre 2019 - 06:30
Marsala 2020, tavolo dei moderati pronto a svelare i suoi piani. Ruggieri: “Alternativi a Di Girolamo su Porto e rifiuti

PaoloLe riunioni vanno avanti da circa un anno. Ma adesso il “tavolo” coordinato dei moderati per le amministrative del 2020, sembra arrivato vicino all’individuazione di un candidato sindaco e di un’idea di coalizione da proporre alla città. Tra i registi delle operazioni di questi mesi, oltre a Massimo Grillo e Giovanni Sinacori, c’è il dirigente di Diventerà Bellissima Paolo Ruggieri.

Dunque, a che punto siete?

Com’è noto, ci riuniamo da mesi per cercare di trovare una buona soluzione programmatica e individuare un candidato sindaco quanto più vicino possibile alle aspettative della città. Ci sono alcune disponibilità, potrebbe venire fuori un’alleanza moderata alternativa all’attuale amministrazione comunale, non necessariamente ancorata ai partiti ma, magari, ad un progetto civico.

E’ stato individuato il profilo del candidato sindaco?

Lo stiamo individuando. Attorno a questo profilo, poi, costruiremo una squadra per aiutarlo nel lavoro che dovrà portare avanti per l’attuazione del programma amministrativo.

Se Di Girolamo non dovesse ricandidarsi, è immaginabile una coalizione simile a quella che ha sostenuto Giacomo Tranchida a Trapani?

Non abbiamo preclusioni. L’idea, comunque, è quella di proporre un modo di amministrare diverso da quello attuale.

Diverso in che cosa?

Intanto nell’apertura di un tavolo permanente con la città. Occorre poi cambiare registro sul Piano rifiuti e andare in fondo sulla questione del Porto, sia per la parte pubblica che per quella privata. Gli altri aspetti programmatici verranno approfonditi non appena si definirà il quadro.

Allo stato attuale, cosa manca?

Ci sono buoni margini per la costruzione di una coalizione coesa, affidabile. Un mix di novità ed esperienza. Stiamo osservando anche proposte provenienti dal dibattito cittadino, con l’intento di proporre davvero un modello di città aperta alla fruizione per i cittadini e per chi viene da fuori. Un po’ come avvenuto negli ultimi tre week end con la rassegna Le Vie dei Tesori, organizzata dall’associazione Nonovento: questi ragazzi meritano un plauso, non solo per aver accompagnato oltre 8 mila persone per i principali siti culturali marsalesi, ma anche per aver ridato la speranza in una città aperta e accogliente.

Si parla tanto di un possibile ritorno dell’ex sindaco Renzo Carini. Ci sono novità a riguardo?

Diversamente rispetto all’inizio dell’estate, pare stia valutando un ritorno all’impegno politico diretto. Noi siamo pronti a parlare con chiunque, nella speranza che il nostro candidato possa essere il prossimo sindaco della città.

C’è qualcosa che salverebbe dell’amministrazione Di Girolamo?

L’onestà degli intenti e l’impegno. I risultati non sono stati eccellenti, anche se le progettualità avviate hanno portato al finanziamento di alcune opere. Porto e rifiuti sono invece i due settori in cui il mio giudizio è particolarmente critico e su cui ritengo necessario che la prossima amministrazione cambi rotta.

Condividi su: