Morto Tullio De Mauro, cittadino onorario marsalese. Di Girolamo: “Grave perdita”

redazione

Morto Tullio De Mauro, cittadino onorario marsalese. Di Girolamo: “Grave perdita”

Condividi su:

giovedì 05 Gennaio 2017 - 13:20
Morto Tullio De Mauro, cittadino onorario marsalese. Di Girolamo: “Grave perdita”

Questa estate aveva ricevuto dalle mani dell’Amministrazione comunale di Marsala, la cittadinanza onoraria. Da qualche anno infatti, Tullio De Mauro aveva scelto le Saline dello Stagnone ed il nostro tramonto per passare gli ultimi anni della sua vita. Oggi la triste notizia: ad 84 anni si è spento Tullio De Mauro, uno dei più grandi linguisti italiani, docente universitario, saggista, ministro della Pubblica Istruzione dal 2000 al 2001, presidente della Fondazione Bellonci, che organizza il premio Strega. Ed è stata proprio la stessa Fondazione a darne la conferma. Nato a Torre Annunziata, in provincia di Napoli, il 31 marzo del 1932, si era laureato in Lettere classiche a Roma nel 1956, poi una lunga carriera universitaria che l’ha visto docente di Glottologia a La Sapienza di Roma, professore di Filosofia del linguaggio e ordinario di Linguistica generale, per citare solo alcuni degli incarichi ricoperti a partire dagli anni Sessanta. Nel 2001 è stato nominato dal Presidente della Repubblica Cavaliere di Gran Croce al Merito della Repubblica Italiana. Per l’insieme delle sue attività di ricerca, l’accademia nazionale dei Lincei gli ha attribuito nel 2006 il premio della Presidenza della Repubblica. Nel 2008 gli è stato conferito l’Honorary Doctorate dall’Università di Waseda (Tokyo). E’ autore di diverse pubblicazioni.

“Esprimo il mio grande rammarico per la scomparsa di Tullio De Mauro, linguista, docente universitario e saggista, Ministro della Pubblica istruzione dal 2000 al 2001, nonché cittadino onorario marsalese”. Sono le parole del sindaco Alberto Di Girolamo appresa la notizia della morte di De Mauro che lo scorso 1° settembre era stato insignito dell’onoreficenza cittadina. “In occasione di quell’evento in cui era intervenuto per parlare d’Europa, ricorda il sindaco, affermò di avere scelto Marsala come sede ideale per trascorrervi le vacanze con la propria famiglia. Una grave perdita per l’Italia intera. Rivolgo alla famiglia De Mauro – conclude Di Girolamo – le mie più sentite condoglianze e quelle dell’Amministrazione che rappresento”. Condoglianze per la scomparsa di Tullio De Mauro esprime anche il presidente Enzo Sturiano, a nome del Consiglio comunale.

Riportiamo qui di seguito la motivazione del conferimento della “Cittadinanza Onoraria” a TULLIO DE MAURO, nato a Torre Annunziata il 31 Marzo 1932: “In segno di alta considerazione per l’intensa attività culturale, umana e sociale che ha svolto e tuttora svolge attraverso incarichi e ruoli prestigiosi; e per l’attaccamento e il consolidato senso di appartenenza al territorio di cui, da oltre dieci anni, la comunità locale si onora, la CITTÀ DI MARSALA conferisce a TULLIO DE MAURO Professore Emerito della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università La Sapienza di Roma la Cittadinanza Onoraria”.

Condividi su: