Aggressione all’ospedale “Ajello” di Mazara: le reazioni di sindacati, medici e associazioni

redazione

Aggressione all’ospedale “Ajello” di Mazara: le reazioni di sindacati, medici e associazioni

Condividi su:

venerdì 27 Maggio 2022 - 13:39

“Massima solidarietà alla dottoressa e alla infermiera ferite la scorsa sera mentre erano in servizio al pronto soccorso di Mazara a causa di un uomo andato in escandescenza per futili motivi”.

Ad affermarlo è il segretario generale della Uil Fpl di Trapani Giorgio Macaddino.

“Un fatto grave – aggiunge -, che il sindacato non può che condannare con forza e determinazione. Il personale sanitario tutto spesso presta assistenza sacrificando la propria vita persona, magari andando ben oltre gli orari di lavoro, mettendo a disposizione della collettività competenze, energie e tempo. Pur comprendendo i momenti d’ansia che taluni vivono recandosi in un pronto soccorso, la violenza non è mai giustificabile, e non si può perdere la pazienza, in situazioni che neppure si conoscono e che possono generare qualche attesa, specie in periodo di pandemia”.

“Pertanto – conclude – nel ribadire la vicinanza a questi due professionisti, ci auguriamo che l’Asp possa potenziare il servizio di vigilanza già esistente per garantire sicurezza al personale tutto, ma anche agli utenti del nosocomio”.

E’ solo l’ultimo di una lunga serie di atti di violenza ingiustificata nei confronti di medici e personale sanitario. Non possiamo più stare a guardare, dobbiamo agire immediatamente perché i medici ospedalieri e non vengano tutelati nell’espletamento delle proprie funzioni”.

A parlare è anche il presidente dell’Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri della provincia di Trapani, Vito Barraco che si schiera al fianco delle due professioniste aggredite la scorsa sera mentre erano in servizio al pronto soccorso dell’ospedale Abele Ajello di Mazara del Vallo da un uomo andato in escandescenza per futili motivi.

Condanniamo fermamente questi ingiustificabili atti di violenza – continua il presidente Barraco -. I medici, gli infermieri, il personale sanitario tutto sono spesso vittime di aggressioni mentre prestano servizio negli ospedali e nei presidi territoriali di assistenza sanitaria, ce lo racconta la storia recente. Fatti di violenza che continuano ad accadere a danno di chi lavora costantemente per salvare vite umane. Questo Consiglio d’Ordine esprime piena solidarietà ai due professionisti aggrediti ai quali porge auguri di pronta guarigione”.

Mentre Giancarlo Pocorobba, Presidente di Konsumer Sicilia, ha dichiarato: “L’ennesima aggressione perpetrata in danno dei sanitari in servizio presso i locali Pronto Soccorso, è intollerabile per professionisti al lavoro che meritano di essere protetti” – afferma, in una nota, l’Avv. Giancarlo Pocorobba, Presidente di Konsumer Sicilia. “Nell’esprimere piena solidarietà ai soggetti coinvolti, preannunciamo che inoltreremo richiesta all’ASP al fine di sollecitare un maggiore potenziamento del servizio di vigilanza ospedalieri. I medici, gli infermieri e gli operatori sanitari in genere – ovvero coloro che, in piena crisi pandemica, hanno costituito il nostro avamposto – meritano, infatti, ogni forma di garanzia e sicurezza, alla stregua peraltro degli stessi utenti del nosocomio già afflitti da uno stato di profondo malessere. La violenza, in ogni sua forma, non è mai giustificata, neppure da parte di chi, sopraffatto da un comprensibile momento di sconforto, si reca in Pronto Soccorso. Lavorare nei presidi emergenzenziali si conferma sempre più difficile e il sostegno aziendale e della cittadinanza è fondamentale affinché simili episodi non abbiano più a ripetersi”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta