Diciottenne ligure muore dopo una trombosi. In Sicilia scatta lo stop ad Astrazeneca per gli under 60

redazione

Diciottenne ligure muore dopo una trombosi. In Sicilia scatta lo stop ad Astrazeneca per gli under 60

Condividi su:

venerdì 11 Giugno 2021 - 07:53

Torna sotto i riflettori il vaccino Astrazeneca, la cui somministrazione ai più giovani era già stata oggetto di dubbi e perplessità nei giorni scorsi. Il fatto nuovo delle ultime ore è rappresentato dal decesso all’ospedale San Martino di Genova di una 18enne di Sestri Levante, Camilla Canepa, ricoverata domenica scorsa per una trombosi cerebrale. La giovane era stata vaccinata il 25 maggio con Astrazeneca, nell’ambito delle “open week” organizzate dalla Regione Liguria per i vaccini a vettore virale per la popolazione tra i 18 e 60 anni. La notizia del decesso è stata confermata dal policlinico e la famiglia ha acconsentito all’espianto degli organi.

Oggi il Comitato Tecnico Scientifico darà il suo parere ufficiale sul vaccino Astrazeneca, mentre la Liguria ha sospeso la somministrazione del lotto utilizzato per la sfortunata giovane deceduta, il Piemonte e la Campania hanno disposto lo stop alla somministrazione di Astrazeneca per i più giovani e in Sicilia è stata disposta la sospensione “immediata” e “in via cautelativa” delle somministrazioni di vaccino AstraZeneca agli under 60. La direttiva, per quanto riguarda l’isola, arriva dal dirigente Generale ad interim del Dasoe (Dipartimento per le attività sanitarie e osservatorio epidemiologico), Mario La Rocca, ai manager delle Asp dell’isola e ai tre commissari Covid delle aree metropolitane di Palermo, Catania e Messina. La sospensione arriva “alla luce delle recenti notizie di stampa – scrive La Rocca – relative alle posizioni assunte dal presidente del Comitato tecnico scientifico in riferimento al bilancio rischi/benefici circa la somministrazione del vaccino Vaxzevria ai soggetti di età inferiore ai 60 anni e in attesa di un pronunciamento ufficiale da parte dell’organo”. Resta ferma, comunque, la possibilità di procedere alla somministrazione delle seconde dosi del vaccino.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta