Raccolta porta a porta a Marsala, nei condomini si entra con un unico selettore

redazione

Raccolta porta a porta a Marsala, nei condomini si entra con un unico selettore

Condividi su:

domenica 22 Novembre 2020 - 17:59
Raccolta porta a porta a Marsala, nei condomini si entra con un unico selettore

Da alcuni giorni, gli inquilini dei condomini marsalesi sono alle prese con una novità, sul fronte della raccolta differenziata: l’installazione di un selettore universale che consente al personale di Energetikambiente di entrare con un’unica chiave d’accesso negli androni dei vari palazzi per ritirare i mastelli.

La novità era stata annunciata già lo scorso 18 giugno, nel corso di un incontro tra i rappresentanti dell’azienda e gli amministratori di condominio tenutosi presso la sala riunioni di Energetikambiente, nei locali di contrada San Silvestro. Di fatto, l’impresa che si occupa della raccolta differenziata ha spiegato che non era più sostenibile il sistema che vedeva gli operatori portarsi dietro una cassettina con circa 150 chiavi diverse per i vari condomini marsalesi. “E’ un meccanismo che ci fa perdere tempo e accumulare ritardi, gravando sull’efficacia del servizio”, hanno detto, in sintesi, i rappresentanti di Energetikambiente. Per cui, sono state prospettate due soluzioni alternative: tornare a depositare i mastelli esternamente, sui marciapiedi (soluzioni che piace a pochi, per questione di decoro urbano) o installare in ogni complesso residenziale un meccanismo uguale per tutti, in modo di consentire agli operatori di entrare con un unico selettore, riducendo i tempi.

Slittata dai primi di ottobre ai primi di novembre, la novità è già entrata a regime. Ma non tutti i condomini si sono attrezzati, per cui i residenti – in attesa di dotare il proprio palazzo del citato selettore – si sono ritrovati a depositare i mastelli provvisoriamente sui marciapiedi esterni o a lasciare aperto il cancello di entrata per consentire l’ingresso agli operatori di Energetikamente, con comprensibili ansie sul fronte della sicurezza.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta