Fino alla fine del cielo: TAM in scena a San Pietro racconta la violenza di genere

redazione

Fino alla fine del cielo: TAM in scena a San Pietro racconta la violenza di genere

Condividi su:

giovedì 10 Settembre 2020 - 10:45
Fino alla fine del cielo: TAM in scena a San Pietro racconta la violenza di genere

Durante la proclamazione della pandemia e il successivo lockdown, solo in Italia si sono registrate 117 violenze domestiche, di cui il 90% a scapito di donne. Il Ministero dell’interno ha raccolto dati agghiaccianti: si è registrato infatti un aumento dei reati di violenza di genere culminati poi in undici femminicidi in undici settimane, sei tentati omicidi e un aumento dei reati collegati ai maltrattamenti in famiglia, violenza, lesioni e minacce dell’8 per cento.

Una rilevazione fatta dai centri antiviolenza D.i.Re. mostra che, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, le richieste di aiuto sono aumentate del 74,5 per cento. Così, mentre tutti gli altri reati hanno subito un calo del 66%, le donne continuavano a morire come e più di prima. E i carnefici erano sempre li, sotto il loro stesso tetto. Mariti, figli, fratelli, padri. Non sconosciuti, congiunti.

Il TAM – Teatro Abusivo di Marsala torna in scena mosso da questo tragico bilancio, con “Fino alla fine del cielo”, uno spettacolo che andrà in scena domani sera, 11 settembre, ore 21.30, che racconta dei nostri amori migliori e quando l’amore non basta a salvarsi… finisce anche il cielo. “Dedichiamo questo spettacolo a tutte le donne che nonostante tutto hanno creduto che il cielo potesse non finire mai” afferma il regista Massimo Pastore.

In scena le attrici Bianca Luna Misso, Giorgia Amato, Adele Errera, Crisitna Genna, Crisitana Sanguedolce, Giovanna Laura Messina, Raysi Santana, Alessandra De Vita e con la partecipazione di Giovanni Lamia. Una produzione del TAM con il Teatro Libero Castelvetrano; l’evento gode del patrocinio del Comune di Marsala.

Ingresso con prenotazione all’Ufficio Pro Loco di via XI Maggio.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta