Ex precari e canile municipale al centro del dibattito in Consiglio comunale

Gaspare De Blasi

Ex precari e canile municipale al centro del dibattito in Consiglio comunale

Condividi su:

martedì 30 Luglio 2019 - 17:35
Ex precari e canile municipale al centro del dibattito in Consiglio comunale

E’ iniziata a Marsala la prima delle quattro sedute programmate dal Consiglio comunale.

Via subito alle comunicazioni visto che il sindaco risponderà alle interrogazioni nei giorni 5 e 7 agosto. Flavio Coppola ha comunicato l’emergenza che vive al canile municipale. “Abbiamo fatto, assieme al presidente Sturiano un sopralluogo dove abbiamo constatato che la struttura è abbandonata a se stessa, è indecente, con animali che vivono in condizioni non idonee ombra sul box a causa del taglio degli alberi limitrofi”. Enzo Sturiano ha aggiunto che occorre sensibilizzare i cittadini all’adozione e alla sterilizzazione degli animali, lamentando il mancato controllo dell’assessore competente.

Calogero Ferreri sul canile, ha affermato che quattro mesi fa “ho visto una situazione diversa, non così come rappresentata”. Si è chiesto cosa sia successo e che, in ogni caso, occorre un intervento per risolvere i problemi documentati con foto dai consiglieri Coppola e Sturiano. Letizia Arcara ha raccontato della difficoltà di soccorrere i cani incidentati; inoltre ha precisato che la sua mozione sul “Garante dei Disabili” potrà essere trattata dall’Aula solo dopo che si sia proceduto alla relativa modifica dello Statuto comunale e, pertanto, ha chiesto prelievo del punto 17. Aldo Rodriquez ha ricordato all’Aula che dal suo precedente intervento sul canile di tre anni fa nulla è cambiato; ha comunicato che la scuola Lombardo Radice è stata messa in sicurezza ma senza una bonifica interna, lasciando alcuni varchi ancora aperti. Ha chiesto infine il prelievo mozione Micromobilità (punto 35).

Luigia Ingrassia ha comunicato lo stato in cui si trova la piazzetta San Girolamo, con le sfere in marmo e le catene vandalizzate e su cui da anni non si interviene. Giovanni Sinacori ha chiesto aggiornamenti su post offensivo pubblicato sulla pagina facebook dell’Ente Mostra di Pittura e per il quale non sono ancora pervenute le scuse al Consiglio comunale; Arturo Galfano ha evidenziato il merito del Consiglio comunale per l’assegnazione al Comune della chiesa di Santo Stefano, anche se “sia l’Amministrazione che alcuni consiglieri ora se ne fanno pubblico vanto”.

Il presidente Sturiano si è soffermato sul post offensivo nei confronti del Consiglio comunale pubblicato sulla pagina istituzionale del Convento del Carmine, ha affermato di avere inviato una nota al presidente dell’Ente Mostra chiedendo chiarimenti in merito e che lo stesso notaio Giorgio Salvo, nella sua risposta – che è stata letta in Aula – ha espresso solidarietà ai consiglieri, sottolineando altresì l’avvio di un procedimento disciplinare per il dipendente dell’Ente. Sul punto Giovanni Sinacori ha affermato che “non basta la solidarietà del notaio, occorrono le scuse del direttore dell’Ente e, in caso contrario, sono pure disposto ad occupare l’Aula”. Sul caso, il vicesindaco Agostino Licari ha comunica che è stata inviata una nota all’Ente Mostra per richiesta chiarimenti sull’accaduto, auspicando che si avvii un procedimento disciplinare.

L’ultima comunicazione, sempre del presidente Sturiano, ha riguardato il nuovo monte ore per gli ex precari, ora di ruolo. Una delibera della Giunta ha messo risorse per 1 milione e 400 mila in tre anni al fine di aumentare l’orario di lavoro, ma non per tutti i contrattualizzati. Una procedura stigmatizzata dal presidente che, inoltre, ha chiesto chiarimenti sulla concertazione con i sindacati. Il vicesindaco Licari, nella sua lunghissima replica, ha sottolineato che la delibera è in contrasto con vecchie procedure di distribuzione a pioggia di risorse e che, al contrario, guarda ai bisogni dell’Ente come già avvenuto per la stabilizzazione “che non era affatto scontata, se si pensa che solo 40 Comuni su 380 l’hanno delibata nel 2018”.

Condividi su: