Caso Denise, la Procura di Marsala riapre il caso, depistaggi o errori?

redazione

Caso Denise, la Procura di Marsala riapre il caso, depistaggi o errori?

Condividi su:

lunedì 03 Maggio 2021 - 15:52
Caso Denise, la Procura di Marsala riapre il caso, depistaggi o errori?

Come era probabile, dopo l’attenzione mediatica che il caso ha ricevuto con la storia di Olesya Rostova, la Procura di Marsala torna a indagare sul caso di Denise Pipitone, la bambina sparita da Mazara del Vallo l’1 settembre nel 2004, all’età di neanche 4 anni.

Nei giorni scorsi si sono susseguiti numerosi colpi di scena su un giallo mai risolto: dalla trasmissione della tv russa che ha sostenuto di aver rintracciato la piccola, alle rivelazioni dell’ex pm Maria Angioni che all’epoca indagò sul caso, tutte questioni aperte nuovamente, altresì, dalla trasmissione “Chi l’ha visto?” e dall’impulso della famiglia di Denise, per il tramite del legale Giacomo Frazzitta.

I magistrati stanno cercando di capire se ci sono stati depistaggi o errori nell’inchiesta.

Nel frattempo, il sindaco di Mazara del Vallo Salvatore Quinci ha annunciato che mercoledì 5 maggio sarà una giornata interamente dedicata a Pipitone, con una serie di appuntamenti programmati con emittenti nazionali ed una manifestazione serale, anch’essa ripresa e trasmessa a livello nazionale, che a partire dalle 20.30 vedrà il primo cittadino insieme a Piera Maggio, Piero Pulizzi e l’avvocato Giacomo Frazzitta nella piazza della Repubblica. “Abbiamo chiamato a raccolta scuole, associazioni e cittadinanza con l’obiettivo di testimoniare la nostra solidarietà a Piera e Piero e per chiedere con forza verità per Denise. Confidiamo nella partecipazione pur nel rispetto delle prescrizioni anti-Covid”.

Condividi su:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta